^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Critica

Arte DeGiovanniLuigi

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

Ossimori pittorici mostra di Luigi De Giovanni

 

 

 

 

OSSIMORI PITTORICI

PERSONALE DI PITTURA DI LUIGI DE GIOVANNI

 

Palazzo Risolo, Specchia

20/30 luglio 2019

Vernissage 20 luglio ore 20:30

Con le incursioni live

di Luca Nicolì all’armonica e di Lorenzo Valentino alla chitarra

 

Indagare la società di oggi con tutte le sue contraddizioni, la bellezza malinconica del breve tempo dei fiori e la poesia del paesaggio che sa suscitare poetiche emozioni. Questo il concept della mostra che vede esporre l’artista specchiese Luigi De Giovanni nelle sale di Palazzo Risolo dal 20 al 30 luglio.

La mostra è organizzata da Il Raggio Verde, Arteluoghi e l’associazione e20cult con il patrocinio del Comune di Specchia in collaborazione con la Pro Loco di Specchia con allestimento dell’arch. Stefania Branca.

Dopo i saluti istituzionali di Alessandra Martinucci Sindaco di Specchia;

Chiara Nicole Lia Assessore alla cultura

 

Luigi De Giovanni con la sua pittura istintiva, traboccante di tracce dei percorsi del pensiero, si apre all’esterno seguendo sensazioni che muovono dal suo Io. I suoi soggetti sono i paesaggi, in quest’occasione, soprattutto del Salento dipinti nei mutamenti stagionali, i fiori recisi che dalla rigogliosità piena di speranza dei boccioli di vita lasciano cadere i petali nel tramonto dei loro giorni, le carte dove le garze suturano ferite troppo profonde e troppo spesso nascoste nei cuori delle persone che soffrono, i jeans nel loro racconto di lavoro e rivoluzione delle idee, purtroppo deluse: jeans diventati apparenza, strappati e lisi prima d’essere usati in una finzione vuota. La mostra è tutto questo: un’indagine profonda della società dove l’essere conta meno dell’apparire, dove la finzione è più vera del reale.

 

Testo critico

Gli ossimori pittorici di Luigi De Giovanni di Raffaele Polo

«Da dove cominciamo, con luigi de Giovanni? Verrebbe da suggerire che è importante, più che sufficiente, scorrere i suoi dipinti, le sue creazioni, per avere una esperienza esaustiva e completa di questo artista multiforme che ci impressiona con il suo linguaggio diverso ma sempre coerente in una sorta di ossimoro pittorico, De Giovanni convince e si fa comprendere sia che percorra le vie tradizionali del figurativo (i fiori, i paesaggi) sia che solleciti con l'intrigante astrattismo sia che ci inviti all'informale dei suoi 'jeans', messaggi espliciti di una società contemporanea anch'essa permeata di contraddizioni e nonsense.

Forse, la ricerca dell'intellettuale potrebbe essere articolata nella per nulla peregrina intenzione di scoprire a quali di questi 'generi' il bravo De Giovanni si senta più portato. se, cioè, nel suo intimo artistico alligni con più radicata fermezza il testimone del secolo scorso oppure se l'uomo nuovo del XXI secolo sia quello che i suoi colori, le sue composizioni vogliono annunciare.

Fatto sta che la piacevolezza riservata al fruitore dei lavori di questo artista è comunque univoca e di uguale spessore: ci si addentra negli scorci delle terre genuine del Salento e non solo, in una sorta di 'natura universale' ben codificata da colori e soggetti. oppure si sposta lo sguardo sulle spontanee composizioni floreali, percependo quasi il delicato, naturale odore dei fiori e delle erbe appena colte...

o, ancora, le appena abbozzate figure femminili ci fanno partecipi di una introspezione a metà tra il drammatico e l'erotico, sintetizzando esitazioni e pudori ricchi di sfumature.

il discorso diventa più intrigante con le composizioni che utilizzano il tramite dei 'jeans', oggetto-simbolo di una planetaria rivoluzione del costume e della moda, indubbiamente capaci di comunicare messaggi sublimali e silenziosi soprattutto con le recenti scelte relative a strappi e tagli. come non ricordare la rivoluzione di Fontana, le sue ferite sulla tela tese a far vedere cosa c'è 'dietro' la tela, ancor più importante di cioè che è davanti... ma ricordiamo, così, su due piedi, le invenzioni di Enrico Bay, dedicate alla satira delle grandi uniformi militari o ecclesiastiche, campite sulla superficie con dovizia di ammennicoli, intrusioni e interventi, in un chiaro discorso dissacratorio. o, ancora, le realizzazioni con pezzi di manifesto di Rotella e, scendendo nel particolare, il materismo sempre più presente nei messaggi di tanti artisti che simboleggiano, via via nei loro lavori, le più evi- denti rappresentazioni totalitarie di scritte e oggetti, sino a raggiungere i più scalmanati writer della street art, mai sazi della propria espressività mutuata da muri e vagoni di treni... con de Giovanni, le frasi, i simboli, gli oggetti-simbolo sono mutuati in un completo contesto di interventi cromatici che scuote e denuncia, ponendo l'attenzione via via sulle tematiche prescelte per lanciare provocazioni e messaggi. un mondo pittorico colmo di pathos e movimento, che richiama, per certi versi, quello che fu il Futurismo nel secolo scorso.

ma poi, senza parere, l'artista torna ai suoi soggetti ricchi di introspezione e, pur nella loro spesso evidente immobilità, al mondo di sogni, colori e atmosfere che lo chiamano a ripetere, ogni volta in maniera unica e particolare, quel groviglio di vegetazione o le canne palustri di un angolo di creato... per non parlare del mare, che affiora quasi a sorpresa, ad irradiare tutto il suo fascino e la sua maestosità, a riempire con toni immutabili di disponibile umanità, le tele paesaggistiche di grandi dimensioni che paiono voler abbattere qualsiasi confine pittorico, riversando sulle fiancate della struttura dipinta le proprie colorazioni, affermando con forza che non esistono, non devono esistere limiti, pastoie e argini tecnici per chi vuole rappresentare, pur se in uno spazio limitato, tutta la bellezza dell'universo.

ancora un ossimoro: l'infinito racchiuso in uno spazio finito.
ma quanta abile professionalità, frammista alla poesia di un animo sensibile, in queste fresche composizioni che coinvolgono appieno con la loro presenza e testimoniano la grande capacità affabulativa di de Giovanni.
non è facile, in realtà, decifrare completamente i meccanismi che l'artista di specchia ci sottopone, quasi senza parere e ci lascia lì, guardandoci di sottecchi, attento ma con aria indifferente, quasi a scusarsi per ciò che ci sta mostrando. ma quei soggetti, quei colori entrano profondamente nel nostro animo, riescono a coprire ed annullare le ombre e le mostruosità che spesso vogliono annientare il senso positivo dell'arte, e intendono donarci pace, cultura, sicurezza nel sentimento e nella poesia. ecco allora, come per miracolo, che il caleidoscopico mondo pittorico di Luigi De Giovanni diventa una medicina miracolosa, un vero e proprio rimedio all'indifferente trascorrere di grigie quotidianità, ravviva- te spesso solo dall'indossare uno scolorito jeans...
no, i jeans di luigi sono coloratissimi e ricchi di umore e sapore.
i suoi messaggi sono pieni di fascino e intenzione positiva.
il suo sguardo sereno e pacato è proprio lì, nei suoi quadri, nelle composizioni che, in maniera diversa ma sempre efficace, si susseguono in una infinita galleria di Bellezza e sapienza.»

 

 

 

Scheda

Titolo: Ossimori pittorici

Artista: Luigi De Giovanni

Inaugurazione: 20 luglio ore 20,30

Dal 20 al 30 luglio 2019

Orario Ingresso: dalle ore 19,00 alle ore 22.00

Presenta la mostra Raffaele Polo

Allestimento dell’Arch. Stefania Branca

Incursioni live all’armonica Luca Nicoli, alla chitarra Lorenzo Valentino

Luogo: Castello Risolo Piazza del Popolo, Specchia LECC

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche Luigi De Giovanni a Londra dove sarà in mostra alla Crypt Gallery con la galleria Mentana di Firenze.

L’artista Specchiese Luigi De Giovanni verrà presentato a Londra dalla galleria d’arte Mentana di Firenze, con la mostra “Italian art in London”.

Seguito dalla Mentana sin dal 1988 l’artista, con questa galleria, ha esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero riscuotendo grandi consensi.

GALLERIA D’ARTE MENTANA  

P.zza Mentana 2/3r - 50122 (Fi)

Alla:

“Crypt Gallery” Euston Road, Kings Cross, NW12BA, London, U.K.

Con la mostra:

“ITALIAN ART IN LONDON”

Le vie dell’arte

 

April 26th – May 6th 2017

Free entry

Giovanna Laura Adreani, (Art Director) della Galleria Mentana di Firenze, in questa mostra di Londra, presso la Crypt Gallery, propone artisti emergenti di grande significato nel contesto dell’arte contemporanea. Il progetto espositivo che porta la Galleria Mentana a Londra, conferma la sua vocazione internazionale che l’ha portata negli anni a presentare i suoi artisti nei paesi europei ed extraeuropei. Questo viaggio è un modo per offrire uno spaccato sulle tendenze espressive che caratterizzano la galleria sia per l’accurata selezione degli artisti sia per la qualità delle opere presenti in mostra.

ARTISTI PRESENTI IN MOSTRA:

Janice Alamanou, Ximena Carraminana, Claudio Francia, Francesca Coli,

Luigi De Giovanni, Margaret Karapetian, Michela Goretti, Wang Yutian, Bungo Morita, Roberto Petitto, Federico Poli, Gonzalo Sanchez, Giovanni Santarelli, Tonino Santeusanio, Felice Spera, Audrey Traini, Roberta Tresoldi, Yvette Van Den Boogaard, Bianca Vivarelli, Derken, Silvio Bonomo, Francesca Guetta, Perlita Ferri, Alena Appel, Paolo Solei, Giuseppe Allegrucci, Bruno Sfeir, Felice Spera.

Crypt Gallery

020 7388 1461

http://cryptgallery.org/

Galleria Mentana

Tel. +39.055.211985

www.galleriamentana.it  

 

 

 

 

 

 

Galleria d’Arte Mentana

P.zza Mentana 2/3r - 50122 (Fi) - Tel. 055.211985

www.galleriamentana.it -

 

Presenta:

Valori dI Continuità

Rassegna di arti Visive Contemporanee

XV edizione - 2016 - 2017

 

Opening Domenica 18 Dicembre 2016 ore 17.00

 

La mostra resterà visitabile fino al 15 gennaio 2017

 

Leggi tutto...

 

 

GALLERIA D’ARTE MENTANA Firenze

 

PRESENTA

 

LE STANZE DELL’ARTE

 

OPENING SABATO 1 OTTOBRE 2016 ORE 18.00

sabato 15 ottobre 2016 la Galleria d’Arte Mentana parteciperà  alla Dodicesima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI

 

Rassegna internazionale di: PITTURA, SCULTURA, ARTE DIGITALE.

La mostra si inaugurerà Sabato 1 Ottobre 2016 e resterà aperta al pubblico fino al 25 Ottobre. Durante la mostra, il comitato scientifico si occuperà della selezione delle opere: in palio due importanti premi.

ARTISTI IN MOSTRA

HIBA DARWISH, MACARENA HAASE, AUDREY TRAINI, DERYA YILMAZ, DARIO AGNELLO, DENIS BUCKLEY, GHENADIE POPIC,  TONINO SANTEUSANIO, ROBERTA TRESOLDI, BEATRICE BOBST,  ANDREA CAUZILLO,  ALESSANDRO GRETTER, PAOLO STACCIOLI, JACK RONNEL, VINCENZO CARA,  VITTORIO TESSARO

 

SPAZIO CULTURALE MENTANA

Evento in parallelo INDIVIDUAZIONI

 

OPENING SABATO 1 OTTOBRE 2016 ORE 17.30

VIA DELLA MOSCA 5 FIRENZE

ARTISTI IN MOSTRA

ANNALISA CARTA, ROBERTA PETITTO, LUIGI DE GIOVANNI, FRANCESCA COLI, BIANCA VIVARELLI, FELICE SPERA

 

Le mostre saranno visitabili fino al 25 Ottobre 2016 Orari 11 :00 -13:00 / 16:00 -19:30  Domenica e Lunedì chiuso.

 

GALLERIA D’ARTE MENTANA - P.zza Mentana 2/3r - 50122 (Fi) - Tel. 055.211985

 

 

GALLERIA D'ARTE MENTANA - P.zza Mentana 2/3 r - 50122 (FI) - Tel. 055.211985

www.galleriamentana.it -

Presenta:

Proposte Contemporanee

 

Orario invernale: 11 - 13, 16.30 - 19.30

Chiuso Lunedì mattina e Domenica

 

Leggi tutto...

 

 

Galleria d’arte Mentana di Firenze

 

INVITO

SABATO 13 GIUGNO 2015 Ore 18:00

L’artista Francesco Gibertoni Barca presenta:

IMMAGINI ONIRICHE

In parallelo mostra collettiva : Fisica/Metafisica del corpo

Seguirà un aperitivo insieme agli artisti

Art Director Giovanna Laura Adreani - Assistant Paola Neri 

-- INGRESSO LIBERO --

Orario: 11.00/13.00 - 16.30/19.30
Domenica e lunedi mattina chiuso
Sabato mattina su appuntamento

Per maggiori informazioni clicca qui
Visita la nostra galleria Artisti: Artisti della Galleria Mentana

 

Galleria d'Arte Mentana - Piazza Mentana 2 - 50122 Firenze - tel 055 211985
www.galleriamentana.it -

Nella pittura di Francesco Gibertoni Barca ritroviamo le tracce delle sue immagini oniriche che, ritornando al passato, trovano le vie di compenetrazione psichica che portano alla creazione d’idealizzate opere, dove la simultaneità di ricordi incrociati diventa osservazione del tempo che conduce alle verità dell’oggi. Nei colori delle sue ideazioni c’è il procedere del conflitto interiore dell’artista, simboleggiato da segni chiari e inequivocabili che danno forma ai rossi, ai gialli, ai blu che si combinano in luminescenze variabili. Le apparenze d’angosce ancestrali, legate ai pericoli che aleggiano sugli smerli del castello dell’immaginazione, sono sconfitte dalla spada di una fede che s’inoltra nelle case dell’oggi confondendosi in racconti ondivaghi di urgenza di ricerca delle verità. Nei dipinti di Gibertoni Barca l’uomo si ritrova a percorrere sentieri che, pur sapendo di sacro, intersecano l’utilitarismo delle tentazioni profane. La sua è la storia d’illusioni tradite o perdute e d’aspettative celate. È la vita descritta dai simboli che, partendo dalla fiducia nei sogni e dall’inconscio curioso, si perde nel materialismo le cui tracce dolorose sanno di condizionamenti e di schieramenti ideologici che trovano significato nelle aspirazioni di ieri e nel degrado delle idee dell’oggi. Le paure di tutti si disvelano, nei caldi e dorati colori della speranza che s’intravvede nelle memorie trasfigurate e simultaneamente evocate in dettagli e incroci di epoche, di luoghi e stati d’animo.

Segni e toni di atmosfere tendenti al surreale, narrano di situazioni di realtà sincrone e d’intrusi che giocano fra ciò che appare e verità. Il ricordo diventa sbiadito e la sincerità dell’Io collettivo rimane trincerata nei cuori, mentre dietro i palazzi del potere, reale e spirituale, naviga in un illusorio concetto di giustizia.

Nella ricerca della libertà dell’essere, nel modo in cui si è e come si desidera, senza costrizioni e condizionamenti che portino alla solitudine del pensiero del singolo, c’è tutta l’analisi dell’artista che fa diventare i sui sentimenti visibili nelle opere, solo apparentemente semplici ma realmente rincorrenti l’infanzia della purezza dello spirito. Dai colori caldi e cangianti, in prospettive di luce, si apre il sogno che s’infrange nei toni aspri oltre i frantumi delle coscienze e degli ibridi che nell’immaginifico conservano una parvenza di moralità e naturalità accettata.

I paesaggi dell’anima di Francesco Gibertoni Barca sono incontri di tempo e di spazio che diventano, nella loro complessità espressiva e compositiva, dipinti che pongono lo spettatore in una posizione d’introspezione quasi catartica.                 Federica Murgia

        

 

Galleria d’arte Mentana di Firenze

INVITO

SABATO 13 GIUGNO 2015 Ore 18:00

L’artista Francesco Gibertoni Barca presenta:

IMMAGINI ONIRICHE

In parallelo mostra collettiva : Fisica/Metafisica del corpo

Seguirà un aperitivo insieme agli artisti

Art Director Giovanna Laura Adreani - Assistant Paola Neri 

 

 

13- 26 giugno 2015

FISICA E METAFISICA DEL CORPO

Galleria Mentana- Firenze

 

   Nell'elegante contesto della Galleria Mentana, sui Lungarni di Firenze, Artexpertie presenterà una mostra collettiva in cui il corpo e la fisicità umana vengono analizzati da diversi punti di vista.

   In galleria verrà presentata una varietas di opere che spazia dal gusto per i nudi realistici fino ad opere surrealiste in cui la fisicità umana ed animale è interpretata in modo personalissimo.

   Dalla fisicità scaltra e sicura, alle deformazioni che riflettono il tormento esistenziale dell'uomo contemporaneo di baconiana memoria, una mostra in cui il corpo è il protagonista indiscusso.

 

Artisti partecipanti:

 

MARCO BARNABINO

ANNA MARIA BERLINGERIO

AYELT BOKER

ALICE L. GASCO

ORNELLA BALBO

RIANA VAN STADEN

ANDREA NANI'

STEFANO ANTOZZI

ELENA BUSSOTTI

CARLA MOSCATELLI

ALESSANDRA D'ANDREA

MICHELLE GAVRIELOV

FABIO FALCIONI

GIONATAN CASU

RICCARDO ANTONELLI

STEFANIA GALLINA

FRANCESCA SIMONETTI

TINA GRANA

 

-- INGRESSO LIBERO --

Orario: 11.00/13.00 - 16.30/19.30
Domenica e lunedi mattina chiuso
Sabato mattina su appuntamento

Per maggiori informazioni clicca qui
Visita la nostra galleria Artisti: Artisti della Galleria Mentana

 

Galleria d'Arte Mentana - Piazza Mentana 2 - 50122 Firenze - tel 055 211985
www.galleriamentana.it -

 

GALLERIA D'ARTE MENTANA FIRENZE
Piazza Mentana, 2/3R                                 
. - Tel 055 211985 cell. 335 1207156 http://www.galleriamentana.it/

Presenta: DUE EVENTI IN PARALLELO
A cura della Direttrice Artistica Giovanna Laura Adreani

Mostra premio – “Mentana in Florence”

Mostra Premio Pittura - Scultura – Fotografia
Vernissage: sabato 18 aprile ore 18.00

Artisti: Ghenadie Popic, Mark Petrasso, Lucilla Labianca, Ilaria Turco, Enrico Garoia, Enrico Napoletano, Silvia Maccacaro, Caroggi, Giulia Riva, Antonio Lucarelli, Monia Pentolini, Moirym, Mauro Piccoli, Robesol, Duccio Degl’Innocenti.

“Saletta Mentana”    Mostra personale di Rosario Bellante      Vernissage: sabato 18 aprile ore 18.00

Leggi tutto...

La Galleria d’arte Mentana di Firenze

P.zza Mentana 2/3 r - 50122 (FIRENZE)

Tel. 055.211985 – Fax. 055.2697769

www.galleriamentana.it -

 

Presenta:

Contempor-Arte

Rassegna internazionale dedicata alle arti visive contemporanee

a cura della direttrice artistica: Giovanna Laura Adreani

 

Leggi tutto...