^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Critica

Arte DeGiovanniLuigi

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 11 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

Percorsi di un artista: “Luigi De Giovanni”

Percorsi di un artista: “Luigi De Giovanni”

Luigi a malapena si reggeva sulle sue gambette. Aveva da poco compiuto un anno ed oltre a gattonare cercava tutti gli appigli per camminare o conquistare la posizione eretta. La madre, come spesso le capitava, era intenta a disegnare i decori per delle tovaglie; perciò aveva messo in giro matite colorate, tempere ed acquerelli. Sentì bussare e si alzò, erano alcune ragazze che seguivano i suoi corsi di taglio. Si mise a parlare con loro perdendo, solo per poco tempo, di vista il figlioletto. In quel momento Luigi, dopo tanti sforzi e capitomboli, riuscì a rizzarsi in piedi sulla coperta celeste. Senza esitare mise le sue manine, cicciotelle, in quell’oggetto poggiato sul tavolino che tanto l’aveva incuriosito negli ultimi dieci minuti. Era fatta: le sue manine erano diventate blu, rosse, verdi e gialle. Stava per perdere l’equilibrio: piegò le gambe si curvò in avanti ma la forza di gravità vinse e atterrò sulla coperta, colorando qua e là.  Si guardò le manine e cominciò a batterle, il risultato fu di un dripping involontario. Gli piacque. La madre Santa era troppo intenta a parlare di girovita, fianchi, pence, e pieghe con le sue ospiti ed il bambino era così tranquillo che lei pensò che si fosse appisolato.  Luigi era sveglissimo e di nuovo ondeggiando ed aggrappandosi alla sedia era in piedi e tastava con le manine sul tavolo alla ricerca della tavolozza. Ecco le sue mani erano ben impregnate ma aveva nuovamente perso l’equilibrio e si risedette bruscamente sulla coperta. Le mani erano ben cariche di colore e cominciò con i gocciolamenti e le striature su tutto quello che era alla sua portata. Non pago mise le mani in bocca ma con una smorfia di disgusto le allontanò subito. Passò ai capelli biondo chiaro e l’effetto fu meraviglioso. Tutto gli appariva magico sino a quando la madre non si voltò facendosi scappare un urlo disperato spaventando il piccolo artista che pianse a lungo. A pochi anni Luigi sottraeva furtivamente i colori alla madre, quando lei dipingeva sui tessuti e li lasciava incustoditi anche per brevi momenti. Colorava tutto, era come se non volesse accettare il monocromo. Colorava maglie, tovaglie, tovaglioli, lenzuola, coperte… perché risparmiare i muri! I pennelli, spesso, non gli bastavano. Per le sue originali creazioni, allora, usava le mani. I suoi occhi grandi, di un blu intenso, si contornavano di rosso, giallo, verde, come pure i suoi indumenti. La madre osservandolo pensò che sarebbe stato meglio aiutarlo nelle sue inclinazioni perciò sin dai primi anni di scuola gli insegnò ad usare i colori: pastelli, tempere ed acquerelli. Questo bimbo aveva trovato la sua felicità: era un pittore. Le sue doti artistiche suscitarono l’interesse degli insegnanti nella scuola elementare, che gli facevano colorare la maggior parte dei disegni. Non tutto era semplice però, in quanto Luigi voleva fare a modo suo e non sentiva i consigli dei maestri. Questo gli procurò non poche punizioni. Quando aveva sette anni morì il padre e questo lasciò la sua famiglia nella disperazione più nera. Frequentò le elementari fra Specchia e Roma, dove vivevano i nonni materni. Intorno agli undici anni fu mandato in collegio dai Buoni Fanciulli, nella borgata di Primavalle a Roma, riservato ai ragazzini che avevano situazioni molto precarie. Fu un disastro. Qui, infatti, decisero di farlo diventare un tipografo. Furono guai! La sua passione continuò ad essere la pittura anche se, non sempre gli era permesso di praticarla come lui avrebbe voluto. L’adolescenza fu difficile. Luigi era diventato molto introverso e timido; mal sopportava i metodi del collegio. Sino allora era cresciuto con poche regole, grandi privazioni e molta fame. Dopo quattro anni fece ritorno al suo paese. A sedici anni, mentre frequentava l’Istituto d’Arte a Poggiardo, fece la prima mostra. Presentò opere che erano un’interpretazione di paesaggi dell’animo, piuttosto informali, con incursioni nelle nature morte e nella figura. Fu un successo che ancora oggi, al suo paese, ricordano in molti. Si diplomò, specializzandosi in Scultura del Legno. Nel frattempo era diventato un animo anticonformista e contestatore: i fermenti del sessantotto e degli anni settanta lo coinvolsero totalmente. Le ragazze del paese, sue coetanee, raccontano di come attendevano l’arrivo di Luigi chiamato affettuosamente Gino capellone. Molte si erano invaghite del suo fascino di pittore ribelle e senza regole. In generale amava la musica del periodo ma era un gran fan dei Beatles e di Joan Beaz. Le sue opere, antiaccademiche, cominciarono ad essere apprezzate da molti. A vent’anni s’iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Roma dove si diplomò in scenografia. L’immagine che lo descrive, sia come artista che come uomo, è quella di uno che per i suoi ideali è salito e sale sulle barricate per difendere i suoi principi e le sue teorie.                                Federica Murgia

 

La Galleria d'Arte Mentana
Via Della Mosca 5R Firenze
presenta:
I Giorni dell’Arte
Rassegna di Arti Visive Contemporanee

L. De Giovanni

O. De Pooter

C. Vavik Pedersen

E. Breitfuß

E. Cantoni

V. Tanini

B. Vivarelli

G. Falli

P. Tancredi De-Coll'

A. Traini

C. Tschierske
La mostra resterà visitabile fino al 22 Settembre 2021
dal Lunedì al Sabato
Orari: 11:00 – 13:00 / 17:00 – 20:00
Per informazioni: 3351207156 / 055 - 211985

www.galleriamentana.it


Gruppo "Mentana in Florence" in mostra
27 febbraio - 15 marzo 2021
GALLERIA D’ARTE MENTANA
Via della Mosca, 5r - Firenze
Tel: 055 211984/3351207156
Email: www.galleriamentana.it
Una mostra dedicata ad artisti di rilievo internazionale in permanenza presso il nostro spazio in Firenze.
Undici artisti selezionati per un viaggio espositivo nella particolarità di ciascun singolo mondo. Le opere in mostra esprimono la variegata ricchezza dello scenario dell’arte contemporanea attuale.
Uno speciale ringraziamento agli artisti che hanno scelto la storica Galleria Mentana come punto di riferimento per la loro affermazione nel panorama internazionale delle arti visive.
Christian Tschierske
Luigi De Giovanni
Pablo Serrano
Audrey Traini
Eva Breitfuß
Alejandro Fernandez
Pier Tancredi De-Coll'
Ursula Radel
Camilla Vavik-Pedersen
Salvatore Magazzini
Bianca Vivarelli
GALLERIA D’ARTE MENTANA
Via della Mosca, 5r - Firenze
Tel: 055 211984/3351207156
Email: www.galleriamentana.it

GALLERIA D’ARTE MENTANA di FIRENZE

 presenta

"VALORI DI CONTINUITÀ"

Rassegna di arti visive contemporanee

12 dicembre 2020 - 10 gennaio 2021

Con grande piacere la Galleria Mentana di Firenze presenta un viaggio espositivo dedicato alle più importanti tendenze dell’arte contemporanea attuale. Gli artisti partecipanti sono seguiti dalla Galleria nel loro percorso espositivo nazionale ed internazionale.

Presentazione verbale: Dottoressa GIULIA CANTONI

ARTISTI IN MOSTRA:

Benvenuti Sergio

Breitfuß Eva

Coli Francesca

De Giovanni Luigi

Magazzini Salvatore

Serrano Pablo

Staccioli Paolo

 Talani Giampaolo

 Traini Audrey

 Vavik Pedersen Camilla

 Vivarelli Bianca

Sarà bello rivederti in questa occasione!

(Si comunica che verranno rispettate le norme anti-Covid)

 

Tutte le opere sono visibili anche sulla piattaforma di vendita online:

https://www.galleriamentana.it/negozio/

Grazie per la tua presenza. |

Art Director Giovanna Laura Adreani

GALLERIA D’ARTE MENTANA

Via della Mosca, 5r - Firenze
Tel: 055 211984/3351207156
Email:

 www.galleriamentana.it

 


Anche Luigi De Giovanni partecipa alla mostra presso

 

GALLERIA D’ARTE MENTANA - Via della Mosca, 5r – Firenze
Presenta

Le Vie dell'Arte

OPENING

26 Giugno 2020 Ore 18.00

Eva Breitfuß, Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Camilla Vavik Pedersen, Audrey Traini, Bianca Vivarelli e Luigi De Giovanni, sono gli artisti presenti alla rassegna “Le vie dell’Arte” in atto presso la Galleria Mentana di Firenze.
Gli artisti in mostra con le loro opere ci donano uno spaccato dell’arte di oggi e contemporaneamente il loro Io: racconti di sogni e di mondi caratterizzanti. La magia dei colori e dei segni prende vita in accordi, contrasti, armonie e turbamenti capaci di rendere la personalità e lo stile espressivo di ciascun artista.  Le emozioni prendono vita in fantasie e scorci di natura per incontrarsi con elaborazioni del pensiero che danno significato alle opere e alle narrazioni degli artisti che hanno donato la loro anima ai colori. Una ricerca che muovendo dal reale riesce a portare nell’immaginario, sino a perdersi nei sogni e nelle fantasticherie cromatiche. Una pennellata, un segno meditato, un tocco istintivo diventano espressione del personale modo di vivere e fare arte, sino ad arrivare a perdersi nelle sfumature delle tinte con voli di tracce di colore: segno personale di ciascuno dei partecipanti. Una ricerca pittorica, che suscitando emozioni, descrive una società veloce che ha bisogno del web per poter apprezzare e vivere l’arte contemporanea.

La mostra è visitabile anche on line nella nostra piattaforma, dove resterà visibile fino al 16 Settembre 2020.

Eva Breitfuß, Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Camilla Vavik Pedersen, Audrey Traini, Bianca Vivarelli e Luigi De Giovanni, are the artists present at the exhibition “Le vie dell’Arte” currently at Mentana Gallery in Florence. The artists on display with their works give us a glimpse of today's art and at the same time their ego: tales of dreams and characterizing worlds. The magic of the colors and the signs comes to life in agreements, contrasts, harmonies and disturbances capable of making each artist's personality and expressive style. Emotions come to life in fantasies and glimpses of nature to meet with elaborations of thought that give meaning to the works and narrations of the artists who have donated their soul to colors. A research that moving from reality manages to bring into the imagination, until it gets lost in dreams and chromatic fantasies. A brushstroke, a thoughtful sign, an instinctive touch become an expression of the personal way of living and making art, until you get lost in the shades of the colors: personal sign of each of the participants. A pictorial research, which arousing emotions, describes a fast society that needs the web to be able to appreciate and experience contemporary art

The exhibition can be visited on line on our on line platform until September 16 th 2020.

GALLERIA D’ARTE MENTANA  - Via della Mosca, 5r - Firenze
Tel: 055 211984/3351207156 - Email: www.galleriamentana.it

OPENING

26 Giugno 2020 Ore 18.00

La mostra sarà visitabile dal 20 Giugno al 16 Settembre 2020

Orari
11:00 - 13:00 / 16:30 - 19:00 Domenica e Lunedì mattina chiuso

Giovanna Laura Adreani

 

Galleria D’Arte Mentana – Firenze

Presenta:

Valori di Continuità

Rassegna d’arte visiva internazionale – 2019 -2020

Rassegna di Natale

Opening

Domenica 15 dicembre 2019 – ore 18.00

Durante la serata inaugurale verrà presentato il calendario: Arte 2020

A cura di Giovanna Laura Adreani - Art Director

 

Come consuetudine la Galleria d’Arte Mentana presenta una mostra che vuole essere un viaggio a ritroso negli eventi che hanno caratterizzato la sua attività. Il percorso espositivo muove dalla volontà di offrire uno spaccato delle inclinazioni estetiche del nostro tempo, dando visibilità agli artisti seguiti dalla galleria o scelti fra le più significative proposte nazionali e internazionali.

Un viaggio emozionale nel clima di ricerca, di sperimentazione e di libertà espressiva che dà luogo a una molteplicità di linguaggi da assaporare nelle opere di pittura, scultura e fotografia in esposizione. L’intento è di presentare ai collezionisti una selezione fra i lavori più rappresentativi degli artisti in mostra e di garantire scelte supportate dalla serietà e dalla competenza della direttrice artistica. Durante la mostra ci saranno degli eventi performativi che dialogheranno con le opere presenti in esposizione.

 

ARTISTI IN MOSTRA

Emilio Tadini, Harin Na, Eva Breitfuß, Luigi de Giovanni, Francesca Coli, Rosario Bellante, Salvatore Magazzini, Audrey Traini, Anna Maria Giordano, Camilla Vavik Pedersen, Ursula Radel, Bianca Vivarelli, Carmen Cecilia Rusu, Giampaolo Talani, Antonio Corpora, Mario Schifano, Emanuela Simoncini, Paolo Staccioli, Sergio Benvenuti

 

 

Durante tutto il periodo della Mostra saranno in promozione opere per i vostri regali di Natale

ORARI
Tutti i giorni: 11-13 / 16-19.30 - escluso Domenica e Festivi

 

Galleria d’Arte Mentana

Via della Mosca 5/r - 50122 Firenze


Tel: +39 055 211985 - Cel: +39 335 1207156
Email:
Sito web: www.galleriamentana.it - Vendita online: www.galleriamentana.it/it/negozio Facebook : www.facebook.com/galleriamentanafirenze/ 

 

Galleria d’Arte Mentana di Firenze

Presenta

Percorsi di Individuazioni
Rassegna di Arti visive.

Opening: 16 novembre 2019 ore 18.00

Artisti:

Camilla Vavik Pedersen, Carmen Cecilia Rusu, Audrey Traini, Gianni Mucè, Abbey Ryan, Luigi De Giovanni

Percorsi di Individuazioni è una rassegna che celebra l’incontro fra artisti di varia nazionalità che nella galleria Mentana hanno trovato uno staff che accogliendoli li propone al pubblico in Italia e all’estero. In questa esposizione c’è un incontro di mondi e di percorsi stilistici e formali che caratterizzano il fare arte di Camilla Vavik Pedersen, Carmen Cecilia Rusu, Audrey Traini, Gianni Mucè, Abbey Ryan, Luigi De Giovanni. Artisti che portando avanti intimi pensieri, idee, sensazioni e tecniche danno luogo al loro mondo pittorico. In questa esposizione troviamo un’indagine che, partendo dal concetto spazio - tempo, si avventura nelle sfaccettature della natura fatta di paesaggi, nature morte e climi per ritrovarsi nel mondo della fantasia o nelle problematiche dei percorsi dell’uomo fino ad attraversare introspezioni e simbolismi che guidando alla conoscenza e alla religiosità. Quella religiosità che è nell’essenza delle opere di questi artisti che con i colori, pennellata dopo pennellata, hanno dato senso e poesia ai loro lavori. Significati profondi e da scoprire opera dopo opera per avere chiara l’idea dei punti di vista che hanno preso forma grazie all’estro e alla sensibilità di artisti, capaci di trasmettere il mondo della bellezza e delle contraddizioni dell’uomo, sempre alla ricerca di quei valori che danno senso alla vita.
La mostra si protrarrà fino al 4 dicembre
Orari:
11:00 - 13:00 / 16:30 - 19:00
domenica e Lunedì mattina chiuso
Galleria D’Arte Mentana
Via della Mosca, 5r – 50122 Firenze
Info:
055211985

www.galleriamentana.it