^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

“La natura e il paesaggio”: chiusura della mostra martedì 16 settembre 2014 ore 22,00

Il giorno 16 settembre alle ore 22,00 chiude la mostra “La natura e il paesaggio” di Luigi De Giovanni a Specchia. Per l’occasione l’artista avrà piacere d’incontrare i visitatori.

La mostra è allestita, dall’arch. Stefania Branca, a Specchia, Sutta le Capanne du Ripa in Piazza del Popolo 21A. Corredata da un’interessante installazione, che vede dipinti di piccolo formato eretti come un muro fra pietre e canne, vuole richiamare al rispetto della natura come unico bene dell’uomo. Nella presentazione si fa un profilo dell’artista e del suo personale modo di avvertire il mondo e il paesaggio, non solo naturale ma anche intimo e sconfinante nelle poetiche del suo io.

 

Davanti alle tele Luigi De Giovanni avverte la forte urgenza d’appagare il naturale impulso che lo porta a fissare nell’istante le sue percezioni pittoriche. Infatti, l’artista, non ha bisogno di soffermarsi a lungo per meditare le pennellate di cui conosce i percorsi e gli andamenti, perché è l’istinto che lo guida a cogliere, con sensibilità, quelli delle vibrazioni luministiche della natura. Egli, nella sua tendenza alla solitudine, vive un intimo dialogo con il paesaggio cui si abbandona nell’ascolto dei sussurri silenziosi del Genius Loci che conosce da sempre. Nella sua terra, si estrania dalle angosce che tormentano la società, e si lascia guidare dalle sensazioni coloristiche interpretando i luoghi del suo Io e dell’infanzia con ancestralità. Tracce di colore, che rincorrono la durata dell’attimo, raccontano il tempo e i paesaggi dell’uomo in contorte pennellate che inseguono gli aggrovigliamenti della natura del Salento. Gli ulivi si vestono della luce del giorno in verdi che, dai toni del sole, si tingono in colori di luna. Il nascente mattino stempera le ombre dell’alba in luminescenze abbaglianti che dissolvono le forme. Nel racconto pittorico di Luigi De Giovanni gli orizzonti si allontanano in un’apertura alla vita che non vuole confini, facendo si che i profili dei luoghi diventino profili dell’animo. Descrizioni che non si soffermano all’esteriorità del momento ma vanno alla ricerca dell’humus e del Genius che sono anima dei luoghi. Anima che differenzia, rendendo Specchia, paese dei suoi primordi e dei ricordi dei vagiti, vestita di armonie quasi magiche.           Federica Murgia

Specchia 14 settembre 2014

Sutta Le Capanne Du Ripa

Piazza del Popolo, 21A Specchia (LE)

Contatti: Cell. 329 2370646

 

www.degiovanniluigi.eu

http://www.e20cult.it/