^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Critica

Arte DeGiovanniLuigi

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

a Specchia

Flash Book a SpecchiaFlash Book, lettura ad alta voce fatta dai genitori ai figli evento del il giorno 1 agosto 2014 alle ore 21.00 nella piazza del Popolo di Specchia,Pensando alle stelle e alla luna il “Flash book” che rinverdisce i miei ricordi d’infanzia quando i miei genitori mi leggevano i libri.La piazza del Popolo è diventata per una sera piazza dei bambini in un evento che nella semplicità è rivoluzionario. Leggere ad alta voce libri adatti è una novità, per il nostro tempo, che ha fatto sì che l’attenzione fosse altissima, quasi fino alle stelle e alla luna, spesso presenti nella narrazione per l’infanzia. Sorpresa, molto gradita, è quella di trovare la partecipazione di lettori volontari di “Nati per leggere” e “Progetto in vitro”. Per la meravigliosa riuscita dell’evento bisogna ringraziare Donatella Trono, Fabio Fonseca, Francesca Caccetta, Agnese Maisto che con grande semplicità hanno prestato la loro voce. La presenza del Sindaco Rocco Pagliara, dell’Assessore alla cultura Giorgio Biasco, dell’Assessore alle politiche giovanili Imma Vantaggiato e del Presidente del Consiglio Maria Rosaria Scarcia, oltre che significare l’importanza che ha la formazione dei giovani, denota la sensibilità dell’Amministrazione Comunale di Specchia. Una serata dedicata ai bimbi e ai genitori diventa la rivalutazione e per certi versi la riscoperta, di un rapporto intimo che sa di tempi passati, quando la tecnologia non aveva ancora invaso le nostre case rendendo tutto più facile: così facile da far si che la genitorialità, in parte, si trasferisse al televisore, diventato “baby sitter”. Si sta dimenticando l’abitudine di leggere ai propri figli dei libri ad alta voce, forse perché è più facile usare DVD e videocassette che raccontano le storie ma senza l’importante mediazione dell’amorevole interpretazione vocale e con i gesti, delle situazioni raccontate, che facevano sentire con forza e grande affetto la filialità e la genitorialità giocata, anche, nella meravigliosa situazione di lettura e ascolto. Il momento magico del Flash Book, lettura ad alta voce fatta dai genitori ai figli è sembrato, quasi, un miracolo capace d’allontanare i bambini dalla TV o dai giochi, spesso, fatti in solitudine e senza la partecipazione di mamma e papà. All’imbrunire, piano, piano i bambini, accompagnati dai genitori o dai nonni, sono giunti nella piazza, all’inizio sorpresi e un po’ intimoriti, ma dopo un momento si sono accovacciati sui tappeti colorati in attesa che mamma Francesca, mamma Agnese e babbo Fabio iniziassero la lettura dei libri contenuti nella borsa fatata delle favole e dei saperi. Una sorpresa è stata per loro trovare la bravissima Donatella Trono che, calandosi nella situazione, ha dato voce ai personaggi dei libri creando attesa e coinvolgendo i bambini che si avvicinano sempre più, come acini d’uva che si attaccano al raspo: grappolo di vita. Una scena emozionante per il valore che suggeriva: il libro centro di attenzione e di vita partecipata con intensità. La lettura dei genitori suggeriva tante riflessioni su come ai bambini basti poco per un’educazione ai libri che diventa educazione alla vita. Leggere è curiosità è sapere, non è guardare passivamente uno schermo ma è riflettere punto per punto sui fatti, i personaggi, i luoghi e le dinamiche narrative. Leggere è un modo per viaggiare con la fantasia. Le mamme e il papà che si sono prestati ben hanno capito l’importanza del loro semplice ed esemplare gesto. Hanno capito che leggere ai figli e con i figli è coinvolgere loro stessi sia nell’educazione sia nella reciprocità della formazione. Vedere tanti adulti assistere alla “meraviglia” della lettura è stato per me entusiasmante e di stimolo per altri eventi, già in cantiere, che sappiano essere di riscoperta delle cose semplici che danno valore alla vita e alla preparazione dei bambini futuri adulti. Federica Murgia.