^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Critica

Arte DeGiovanniLuigi

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

BIBLIOTECA BERNARDINI ex Convitto Palmieri di Lecce


Giovedì 5 maggio 2022 dalle ore 19.00


POETI E POESIE NEL NOSTRO DIALETTO DAL ‘700 AD OGGI

 

Un viaggio tra tutti coloro che hanno fatto propri i versi di Francesco D’Amelio
”… è la lingua de lu tata/ ca me scioca ‘ntra lli dienti…”
Coordina Raffaele Polo

L’anima delle persone è anche nel dialetto che racchiude cultura e storia. Infatti, comunicare con il dialetto è un trasmettere contenuti che hanno in più il valore delle tradizioni che caratterizza un paese. Il dialetto, o meglio la lingua nel caso della Sardegna, consente un parlare genuino ed efficace e ci tramanda quelle espressioni, spesso sintetiche, capaci di dare significato ad un pensiero arricchito della cultura e delle tradizioni di un luogo. Riscoperto da me sola da adulta, grazie ad un progetto della Scuola Media “Alfieri” di Cagliari e al grande lavoro di Giampaolo Loddo, perché quand’ero bambina i miei genitori m’insegnarono solo l’italiano, è diventato per me un ritrovare la Barbagia, un ritrovare Seulo il mio paese: un ritrovare l’essenza della mia terra. Quest’evento leccese, per una sarda come me, è un grande dono perché mi dà l’opportunità di far conoscere alcuni aspetti, compresa la delicatezza, della mia lingua d’origine e la particolarità della mia terra solo apparentemente dura. Mi fa molto piacere che in questo contesto, con la ricchezza del salentino, ci sia anche una ventata di Napoli che, con una poesia dolcissima, ci fa percorrere quel sentimento che da grande valore all’amore e al calore della famiglia.

DIALETTO E TEATRO:
con William Fiorentino, Franco Ciardo, Uccio Colonna
Oronzino Invitto – associazione teatrale “Mario Perrotta” e “Lu Puparu
Lola Giuranna - associazione teatrale “La barcaccia” Gallipoli”
Dora Solini – Associazione culturale “Teatro Valle della Cupa” Monteroni

DIALETTO E POESIA:
con Gino Maragliulo, Carlo Vincenzo Greco, Luigi Bottazzo e il ricordo di Niny Rucco con la partecipazione della figlia Rita.

DIALETTO E MUSICA con Enzo Marenaci

Con i POETI: Giusy Agrosì, Mario Calcagnile, Pino De Luca, Caterina de Vita, Antonietta Fulvio, Giuseppe Greco, Luigi Liaci, Ezio Calemi, Federica Murgia, Sandro Mottura, Fabio Placì, Cosimo Renna, Tina Rizzo de Giovanni.

CONCLUSIONI del prof. Marcello Aprile dell’Università di LecceIngresso libero con rispetto alla regolamentazione sanitaria anti Covid.

Per comunicazioni: