^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Critica

Arte DeGiovanniLuigi

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

Tracks: tracce – a cura di Francesca Paba

racks: tracce – a cura di Francesca Paba

 


Tracks: tracce – a cura di Francesca Paba
Con questa mostra l’artista vuole evidenziare l’importanza dei segni da lui lasciati sulla tela, metafora delle bianche tracce trasmesse involontariamente dal percorso delle persone. Con i primi prende forma un dipinto con i secondi la storia grande e piccola dell’uomo.
Tracce sono quelle di un pennello carico di colori. Esse descrivono la storia intima di Luigi, mostrando non solo la sua cultura ma anche quella dei suoi antenati che ne hanno plasmato il carattere. E’ l’artista che parla nel silenzio rivelando il suo conscio e il suo inconscio.
Le sue sono pennellate di sofferenze e di gioie. Sono tracce di sentimenti che danno luogo a spirituali viola, a verdi speranze, a rosse passioni e a neri pessimismi. I colori s’incontrano creando una poesia malinconica: racconto di Luigi De Giovanni.
L’opera in mostra vuole essere espressione di antichi luoghi che conservano o sono tracce del passato: testimonianze dell’umanità non sempre riconosciute e rispettate.
Tracks nei sogni, nella sensibilità di un animo che le dipinge, nei percorsi segnati da lontani tratturi di religiosità della vita. Traccia è un frammento di coccio, ancora testimone del tempo in cui era oggetto, ci dice del lavoro, della cultura: descrive la società a cui era appartenuto.
Venticinque sono i moduli che compongono l’unica opera in mostra e ciascuno, nei segni interrotti e nei colori, racconta l’intero: il particolare che riporta al tutto, al gesto che l’ha dipinto, all’istintività dell’attimo creativo, all’intento dell’artista. L’opera è una mappa che si rifà ai segni reali di un corpo, ad un viso segnato dagli eventi, alla spiritualità nascosta, all’humus che ha alimentato Luigi.
Ogni modulo è una traccia con significato proprio. Da questo si arriva alla performance che prende senso negli inconsapevoli tracciati dei visitatori, che indicano percorsi, che indicano storie. Orme che conducono a luoghi lontani e a più lunghi cammini spirituali, che si vorrebbero mantenere segreti.
Le persone lasciano e intrecciano fisiche tracce del loro passaggio, creano nelle strade pennellate della loro andatura, dapprima dal contorno nitido e ben definito che vanno via via a sfumare. Passi, soste che, più chiaramente, raccontano del gusto di lasciare una traccia come prova di sé e della propria storia. Francesca Paba

 

 

 

 

 

 

GALLERIA D'ARTE MENTANA FIRENZE
Piazza Mentana, 2/3R                                 
. - Tel 055 211985 cell. 335 1207156 http://www.galleriamentana.it/

Presenta: DUE EVENTI IN PARALLELO
A cura della Direttrice Artistica Giovanna Laura Adreani

Mostra premio – “Mentana in Florence”

Mostra Premio Pittura - Scultura – Fotografia
Vernissage: sabato 18 aprile ore 18.00

Artisti: Ghenadie Popic, Mark Petrasso, Lucilla Labianca, Ilaria Turco, Enrico Garoia, Enrico Napoletano, Silvia Maccacaro, Caroggi, Giulia Riva, Antonio Lucarelli, Monia Pentolini, Moirym, Mauro Piccoli, Robesol, Duccio Degl’Innocenti.

“Saletta Mentana”    Mostra personale di Rosario Bellante      Vernissage: sabato 18 aprile ore 18.00

Bellante è un colorista dalle tonalità mediterranee e dalla pennellata che procede senza indugio. Da molti anni è rappresentato, nel modo migliore, dalla “Mentana” di Firenze e in quest’esposizione personale, presenta dipinti che ripercorrono i temi a lui cari: opere che hanno come filo conduttore il paesaggio visto nel momento più felice delle sue fasi. Per l’artista la natura è matrice, che ispira i suoi stati d’animo pittorici che diventano armonie visive di panorami conosciuti e dell’inconscio, che riportano alla sua amata Sicilia. Le opere di Bellante sono animate da chiarori, dove le vibrazioni cromatiche sono capaci di coinvolgere sensibilmente lo spettatore che, inoltrandosi negli scorci descritti, si ritrova a esplorare la sfera emozionale dell’artista. La dinamicità, descritta delle masse pittoriche, è esaltata dalle gradazioni di luce che, nelle forme delineate da pacificanti colori ed equilibrate pennellate, sembrano volersi svelare in contrasti di segni e di toni di rossi, di gialli e di verdi dei primi piani: sfumature di tinte che declinano nel canto del paesaggio e dell’Io dell’artista. La sua osservazione della natura si fa analisi che coglie mille particolari che, prepotentemente, vogliono emergere dal groviglio di arbusti per fermarsi nelle sue primavere dipinte, che ricercano gioia e speranza.

Un concento di colori vivaci si accorda nelle radure pacate, smorzandosi fra le dune dove i tocchi di chiaro fanno avvertire fragranze di mare e di vita di fiori di sabbia. Nella solitudine del paesaggio c’è un animo investito da pensieri profondi, che, in un monologo interiore, tenta di sfuggire al tempo dalle ombre incombenti che si addensano in uno sfondo di nuvole e che muovono verso la malinconia dell’autunno.                     Federica Murgia

 

ORARI: 11:00-13:00- 16:00-19:30 Domenica e lunedì mattina chiuso