^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 86 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

Luigi De Giovanni Biografia

Luigi De Giovanni

Biografia

Luigi De Giovanni nasce il 12 Febbraio del 1950 a Specchia (Lecce).

Sin dalla più tenera età esegue disegni ed acquerelli seguito dalla madre.

- 1967 dipinge assiduamente e fa la sua prima mostra collettiva.

- 1969 si diploma all’Istituto d’Arte di Poggiardo.

- 1970 comincia a dipingere in maniera informale usando tecniche

       miste e collage.

- 1974 si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Roma.

- 1970 / 1978 segue il Corso Libero del Nudo.

- 1973 con il maestro Avanessian inizia lo studio dell’imprimitura delle

     tele e l’uso delle terre.

- 1974 si perfeziona nella tecnica ad olio.

- 1980 sperimenta la tempera all’uovo; realizza alcune opere con un

           unico filo conduttore “ le scalate sociali”.

- 1986 collaborazione con la Galleria degli Artisti – CAGLIARI

-

Leggi tutto...

 

Galleria d’Arte “Mentana” di Firenze

Piazza Mentana, 2/3R

 

“AMORARTE”,

 

- Tel. 055 211985

 

www.galleriamentana.it

 

Inaugurazione: sabato 14 febbraio 2015 ore 18,00

Dal 14 febbraio al 03 marzo 2015-02-07

Artisti:

Antonio Ciccone

Fabio Benedetti

Francesco Gibertoni Barca

Mario Schifano

Clara Polvani

Rosario Bellante

Francesca Coli

Margaret Karapetian

Giampaolo Talani

Paolo Lantieri

Luigi De Giovanni

Ida Coppini

 

La galleria Mentana di Firenze, con un gruppo di artisti, ricorda, con un evento intitolato “AMORARTE”, l’amore, in una mostra di pittura che, ripercorrendo un sentiero di tradizione e fede, vuole ritrovare nell’arte la spiritualità di un sentimento che è fermento di vita.

Dipinti che sono racconti di forme e colori, interpretano Il giorno degli innamorati partendo da un interrogativo sull’origine della festa di San Valentino, giorno o periodo che coincide con quello che riporta all’antica festa della primavera.

Sicuramente questa ricorrenza è un miscuglio di tradizione pagana e fede che conduce, nel consumismo più sfrenato, all’amore, alla magia e all’alchimia che dà valore alla vita, perpetuandola.

Il quattordici febbraio è qui festa di speranza di vita: festa dell’arte.

In questi sentimenti di gioia hanno trovato ispirazione gli artisti che, secondo la sensibilità di ciascuno, hanno dato significato alla mostra.

L’elevazione di cuori, la lampada magica o l’alchimia che s’interfaccia con il riferimento all’inizio degli amori nel mondo animale, coincide con le antiche danze di primavera e si sublimano nell’amore di coppia che invecchia come un mazzo di fiori che appassisce nel vaso.       Federica Murgia

 

Orari: 11,00/13,00 - 16,30/19,30

 

Chiuso lunedì mattina- Domenica: 16,30/ 19/30