^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

    youtube linkedin pinterest tumblr   

 

Rassegna stampa

Accesso Utenti

Contatore visite

Newsletter

Chi è online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

Siti partner

MurMurOfArt

 

 

 

 

 

 

Specchia.it / sezione Cultura

Galleria Mentana Firenze

Luigi de Giovanni a Seulo a dipingere (Galleria Mentana)

 

 

 

 

 

Amministrazione

Con il Patrocinio del Comune di Tricase

Forme e colori dei sogni 22 giovani e il mondo dell’Arte Tricase (Lecce)

, Palazzo Gallone, Secondo Piano - piazza Pisanelli Organizzazione: Assessorato alla Cultura del Comune di Tricase in collaborazione con Il Raggio Verde edizioni, associazione “e20Cult” e Istituto Comprensivo “Tricase via Apulia” Vernissage, 23 dicembre, ore 18,00 Scuderie Mostra a cura della Professoressa Ada Scupola Allestimento: Arch. Stefania Branca Data: dal 23 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 Orario: tutti i giorni dalle ore 18 alle 21 con ingresso libero. Introduzione I sogni dei ragazzi sono la cosa più bella della vita. Sono il fermento che dà forma alla loro personalità e alle strutture mentali. Sono la manifestazione del periodo più bello della vita che verrà ricordato e amato. I loro sogni sono un indirizzo che bisogna coltivare, che gli adulti dovrebbero accogliere come un dono di fiducia facendo in modo che questi germi, che daranno significato alla personalità, siano sostenuti con ogni mezzo. Diventare adulti non è mai facile.

Diventarlo fiduciosi e sicuri nei confronti degli adulti e delle istituzioni ha come punto di partenza l’accettazione e la valorizzazione di tutto ciò che è positivo ed è scaturito spontaneamente dai giovani: il futuro di una società. Le idee e la loro accoglienza, il sostegno, dovrebbero essere alla base della convivenza civile e per questo coltivate. Sostenendo i ragazzi che hanno sogni di grande valore, si prende per mano la società del futuro e si attua un percorso di condivisione, dove i giovani si sentono accolti e fiduciosi d’esternare i loro pensieri: le loro aspirazioni. Così è apprezzabile ciò che fa il Comune di Tricase, nella persona dell’Assessore alla Cultura Ing. Sergio Fracasso, Il Iaggio Verde edizioni, l’Associazione e20cult e l’Istituto Comprensivo “ Tricase via Apulia” sotto la Dirigenza della Professoressa Eufemia Musarò, su sollecitazione della Professoressa Ada Scupola, che ha accolto questa esigenza dei ragazzi sostenendoli in quest’avventura, artistico – musicale, fatta di concerti e della mostra “Forme e colori dei sogni”, allestita magistralmente dall’Arch. Stefania Branca, nel piano nobile del Palazzo “Principe Gallone” di Tricase, che si potrà visitare dal 23 dicembre 2014 al 06 gennaio 2015. Artisti: Fotografia Longo Chiara, Panarese Martina Grafica Coppola Chiara, Boccadamo Magda, Dell'Abate Vincenzo, Fracasso Serena, Longo Francesca, Marra Noemi, Morciano Gabriele, Marzo Marika, Negro Clemente, Stomeo Antonella, Zocco Chiara. Pittura e cartapesta Stomeo Lorenzo Strumentisti Chitarra elettrica: Scupola Gabriele Violino: Caloro Paola Pianoforte: Caloro Michela; Caloro Francesca Canto Corciulo Maria, Otmani Leila Recitazione e poesia Longo Francesca, Turco Ada La presentazione della manifestazione sarà arricchita dall’incontro con il sociologo Professor Gianfranco Esposito, docente presso l'Istituto professionale Don Tonino Bello Tricase. Il programma della mostra sarà strutturato in questo modo: la sera dell'inaugurazione dopo la presentazione, concerto di chitarra Un'altra sera a scelta concerto di violino e pianoforte e a seguire performance delle due attrici. Una terza sera due cantanti in concerto che si esibiranno nel loro repertorio e l'ultima sera si ripeterà la performance delle due attrici e concludere con l'esibizione del chitarrista. Ogni serata l'esibizione potrà durare un'ora e mezza. Note sulla mostra. “Forme e colori dei sogni” è un’esposizione, arricchita da canto e concerti di alcuni musicisti, di giovani artisti che non superano l’età degli anni venti ma che per responsabilità e pensieri sembrano già molto maturi. Aver avuto il privilegio d’incontrarli in tutto il periodo della preparazione della mostra è stato molto istruttivo e di loro ho ammirato la serietà e la consapevolezza del compito che si sono assunti per dare forma ai sogni. E’ stato emozionante aver potuto osservare il loro fervore, il loro impegno creativo, che non li ha comunque distolti dai doveri scolastici ed extrascolastici, e ammirare la volontà di contanti e musicisti che seguono con dedizione il dono della loro passione. Ho osservato che, nelle opere, o nella musica, ciascuno ha seguito il filo dei pensieri e dei sogni, raccontando la propria bellezza interiore. Segni di matita o di colore, se pur in un certo senso acerbi, sono risultati molto espressivi. Con delle linee semplici, ma di un'efficacia sorprendente per la loro età, gli artisti di quest’avventura si sono immersi nel mondo della poesia adolescenziale seguendo le sollecitazioni della cultura giovanile o esplorando il paesaggio, i ritratti, per giungere alle incursioni nella letteratura, nel teatro e nella musica. La scelta di abbinare una poesia, una canzone, un libro, un personaggio della cultura giovanile o dei fumetti ha fatto si che s’impegnassero nella conoscenza profonda del loro ideale “Mentore”, alcune volte, in contaminazioni e citazioni culturali che sono proprie del nostro tempo. I supporti su cui si sono cimentati sono vari, in alcuni casi di recupero e inaspettati, ma sempre coerenti con le esigenze dei racconti di ciascuno. L’immersione nell’arte di oggi e nelle contaminazioni ha originato delle performance che verranno fatte durante la mostra. Il repertorio di canzoni e musiche è stato scelto autonomamente da ogni singolo musicista e dai cantanti facendo in modo che il loro sogno venisse esaltato e rappresentato adeguatamente. L’Arch. Stefania Branca, entrando nell’animo delle opere che è l’animo dei ragazzi, ha pensato a un allestimento che valorizzasse il tempo degli artisti in un racconto che mantenesse la poesia della fanciullezza non separata dall’ingresso nell’età adulta. Complimenti ragazzi, questa prima mostra è la vostra alba artistica che presagisce una giornata della vita ricca d’arte e d’idee e complimenti alla Prof.ssa Scupola che ha creduto in voi e ha sollecitato il vostro impegno. Federica Murgia